Daniele Rustioni

A 35 anni Daniele Rustioni si è ormai imposto all’attenzione internazionale sia nel repertorio operistico che in quello sinfonico. Direttore Musicale dell’Opéra National de Lyon, dirige regolarmente nei migliori teatri internazionali dalla Royal Opera House Covent Garden, all’Opera di Monaco di Baviera, all’Opéra di Parigi, all’Opernhaus di Zurigo, al Teatro alla Scala al Teatro Regio Torino, alla Fenice di Venezia. Nell’Aprile 2017 ha debuttato al MET in Aida con grandissimo successo ed è stato subito invitato per le stagioni future.

La prima produzione come Direttore Principale dell’Opéra National de Lyon è stata una innovativa e originale messa in scena del War Requiem di Britten curata da Yoshi Oida; è seguito il Festival “Verdi e il potere” nell’ambito del quale Daniele Rustioni è stato il protagonista assoluto dirigendo una produzione di Macbeth, Don Carlos (versione francese in cinque atti) e Attila in forma di concerto. Inaugura la stagione lionese 2018/19 con una nuova produzione di Mefistofele per la regia di Alex Ollé – Fura dels Baus.

Direttore Musicale dell’Orchestra della Toscana, Daniele Rustioni svolge un’intensa attività come apprezzato interprete di un già vasto repertorio sinfonico. Ha già diretto tutte le maggiori orchestre sinfoniche italiane, e nel corso della stagione 2018/19 tornerà alla CBSO e alla Ulster Orchestra oltre a debuttare con la Scottish Chamber Orchestra, con l’Orchestra della Radio Olandese al Concertgebouw, con la Hallé Orchestra di Manchester e con la Indianapolis Symphony Orchestra, debutto sinfonico negli Stati Uniti.

Daniele Rustioni è regolarmente presente in Giappone dove ha debuttato con Madama Butterfly alla Tokyo Nikikai Opera nel 2014 e vi è tornato con Tosca nel 2017: ha diretto concerti sinfonici con la Tokyo Symphony Orchestra, la Hyogo Performing Arts Center Symphony Orchestra, la Kyushu Symphony, la Tokyo Metropolitan Symphony Orchestra e la Osaka Philharmonic.

La discografia di Daniele Rustioni conta la prima registrazione di Adelson e Salvini di Bellini per Opera Rara, accolta da unanimi consensi della critica. Per Sony Classical ha registrato un album con Erwin Schrott e sta realizzando un ciclo dedicato al repertorio sinfonico italiano della prima metà del ‘900 con l’Orchestra della Toscana: dopo Ghedini, nel 2016 è in uscita la registrazione dedicata a musiche di Petrassi mentre prossimo è l’appuntamento con Alfredo Casella. In DVD è disponibile la registrazione della produzione de Il signor Bruschino del Rossini Opera Festival per l’etichetta Opus Arte.

Nel 2013 ha ricevuto l’International Opera Award come migliore novità dell’anno.